Comune di Arsita

INFORMATIVA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2016

Pubblicata il 08/06/2016

INFORMATIVA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2016


LA LEGGE DI STABILITA’ PER IL 2014 HA ISTITUITO L’IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC).

ESSA SI BASA SU DUE PRESUPPOSTI IMPOSITIVI, UNO COSTITUITO DAL POSSESSO DI IMMOBILI E COLLEGATO ALLA LORO NATURA E VALORE E L'ALTRO COLLEGATO ALL'EROGAZIONE E ALLA FRUIZIONE DI SERVIZI COMUNALI. LA IUC SI COMPONE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU), DI NATURA PATRIMONIALE, DOVUTA DAL POSSESSORE DI IMMOBILI, ESCLUSE LE ABITAZIONI PRINCIPALI, E DI UNA COMPONENTE RIFERITA AI SERVIZI, CHE SI ARTICOLA NEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI), A CARICO SIA DEL POSSESSORE CHE DELL'UTILIZZATORE DELL'IMMOBILE, CON LE ECCEZIONI RIFERITE ALLE ABITAZIONI PRINCIPALI COME PIU' AVANTI SPECIFICATO, E NELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI), DESTINATA A FINANZIARE I COSTI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI, A CARICO DELL'UTILIZZATORE.
 
I TERMINI DI PAGAMENTO DELLA IUC (COMPONENTI IMU, TASI, TARI) PER L’ANNO 2016 SONO:
 

TRIBUTO

PRIMA RATA

SECONDA RATA A SALDO

 

 
1.

IMU – IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

 

 
16.06.2016

 
16.12.2016

 
2.

TASI – TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI

 

 
16.06.2016

 
16.12.2016

 
3.
 
TARI – TASSA RIFIUTI bollettazione inviata a domicilio direttamente dal Comune in tempo utile per il pagamento delle rate alle seguenti scadenze individuate nel REGOLAMENTO:

- 1^ 16.10.2016
- 2^ 16.12.2016,
- 3^ 16.02.2017,
- 4^ 16.04.2017


oppure

- 16.01.2017 (unica soluzione)
 
 
COME PAGARE LA IUC (COMPONENTI IMU, TASI, TARI) DEL COMUNE DI ARSITA PER L’ANNO 2016?
 
E’ SUFFICIENTE COLLEGARSI AL SEGUENTE INDIRIZZO PER OTTENERE IN MODO SEMPLICE ED INTUITIVO L’ESATTA ELABORAZIONE E CALCOLO DELLE COMPONENTI IMU E TASI E LA STAMPA DEL MODELLO DI PAGAMENTO F24 DA PRESENTARE IN BANCA O POSTA:
 
http://www.amministrazionicomunali.it/imutasi/calcolo_imu_tasi.php
 
PER LE COMPONENTI IMU E TASI OCCORRE CONOSCERE LA RENDITA CATASTALE AGGIORNATA NON RIVALUTATA DELL’IMMOBILE POSSEDUTO NEL COMUNE DI ARSITA.
 
SE NON LA SI POSSIEDE E’ POSSIBILE CONSULTARLA SUL SITO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE AL SEGUENTE INDIRIZZO INDICANDO IL PROPRIO CODICE FISCALE E GLI IDENTIFICATIVI CATASTALI:
 
http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/index.jsp
 
IL CODICE CATASTALE DEL COMUNE DI ARSITA DA INDICARE È: A445
 
NOVITA' INTRODOTTE DALLA LEGGE DI STABILITA' PER L'ANNO 2016, RECEPITE DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 11 IN DATA 31.05.2016, PER LA COMPONENTE TASI:
 
(ESTRATTO DELIBERA C.C. N. 11/2016)
.........

4) di prendere atto che:
 
- la ratio del comma 26 dell’art. 1 della legge n. 208 del 2015, da leggere unitamente a quanto disposto con il precedente comma 14 relativamente all’esclusione dal campo di applicazione TASI delle abitazioni principali diverse da quelle di lusso, è quella di mantenere invariato, nel 2016, il livello complessivo di pressione tributaria, “attraverso un congelamento generalizzato dei tributi degli enti territoriali rispetto alle aliquote in vigore nel 2015”;
 
- ai sensi del citato articolo 1, comma 169 della Legge 27.12.2006 n. 296, le tariffe per l'applicazione della TASI, rimangono in vigore per l’anno 2016 nella stessa misura stabilita per l’anno 2015 con delibera di Consiglio n. 14 del 07.07.2015, eccezion fatta per le esclusioni disposte dall’articolo 1, comma 14, della legge 28.12.2015 n. 208, come riepilogato opportunamente nel prospetto che segue:
 
Fattispecie Aliquota TASI
1. Abitazione principale (Cat. da A2 ad A7) e relative pertinenze (categorie catastali C2, C6, C7) 0 ‰ (0 per mille)
2. Abitazione principale (Cat. da A2 ad A7) e relative pertinenze (categorie catastali C2, C6, C7) concesse in locazione a soggetto che le utilizza come abitazione principale pari al 70% dell’aliquota vigente nel 2015 (quota del titolare del diritto reale sull’unità immobiliare) 0,7 ‰ (zerovirgolasette per mille)
3. Abitazione principale (Cat. da A2 ad A7) e relative pertinenze (categorie catastali C2, C6, C7) utilizzate in locazione da soggetto che le utilizza come abitazione principale (quota dell’occupante l’unità immobiliare) 0 ‰ (0 per mille)
4. Abitazione principale di pregio (Cat. A1, A8, A9) e relative pertinenze (categorie catastali C2, C6, C7) 1 ‰ (uno per mille)
5. Altri immobili 1,40 ‰  (unovirgolaquaranta per mille)
6. Fabbricati rurali strumentali all’attività agricola 0 ‰ (zero per mille)
7. Immobili divenuti inagibili a seguito del sisma del 06.04.2009 purché oggetto di ordinanze sindacali di inagibilità e sgombero e fino alla definitiva ricostruzione e ripristino di agibilità 0 ‰ (zero per mille)

....

IL VIGENTE REGOLAMENTO IUC DISPONIBILE NELL'APPOSITA SOTTOSEZIONE DELLA SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE DEL SITO WEB, PER LA COMPONENTE TASI HA STABILITO UN RIPARTO DEL CARICO TRIBUTARIO COMPLESSIVO DEL 30% A CARICO DELL’UTILIZZATORE E DEL 70% A CARICO DEL POSSESSORE.
 
NOVITA' INTRODOTTE DALLA LEGGE DI STABILITA' PER L'ANNO 2016, RECEPITE DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 12 IN DATA 31.05.2016, PER LA COMPONENTE IMU:
 
(ESTRATTO DELIBERA C.C. N. 12/2016)
.........

2) di prendere atto che:
 
- la ratio del comma 26 dell’art. 1 della legge n. 208 del 2015, è quella di mantenere invariato, nel 2016, il livello complessivo di pressione tributaria, “attraverso un congelamento generalizzato dei tributi degli enti territoriali rispetto alle aliquote in vigore nel 2015”;
 
- ai sensi del citato articolo 1, comma 169 della Legge 27.12.2006 n. 296, le tariffe per l'applicazione dell’IMU, rimangono in vigore per l’anno 2016 nella stessa misura stabilita per l’anno 2015 con delibera di Consiglio n. 15 del 07.07.2015, eccezion fatta per le riduzioni disposte dall’articolo 1, commi 10, 15, 13 e 53, della legge 28.12.2015 n. 208, come di seguito riportate sinteticamente per opportuna memoria:
 
Tipologia Immobile Aliquota IMU
abitazione principale categorie (A2-A3-A4-A5-A6-A7) e pertinenze (C2-C6-C7) esente
abitazione principale categorie (A1-A8-A9) e pertinenze (C2-C6-C7) 0,4%
Detrazione per abitazione principale € 200,00
Aliquota ordinaria per gli altri immobili 0,76%

Riduzioni disposte dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208, all’art. 1, commi 10, 13, 15, e 53:
 
  • la riduzione al 50% dell’imposta a favore delle unità immobiliari concesse in comodato d’uso gratuito tra parenti in linea retta entro il primo grado, con contratto registrato, a condizione che l’unità immobiliari non abbia le caratteristiche di lusso, il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso comune un solo altro immobile adibito a propria abitazione principale non di lusso ed il comodatario utilizzi l’abitazione concessa in comodato a titolo di abitazione principale. A tal fine il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione (comma 10);
 
  • l’esenzione dall’imposta  a favore delle unità immobiliari appartenenti a cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in deroga al richiesto requisito della residenza anagrafica (commi 15);
 
  • la modifica della disciplina di tassazione dei terreni agricoli, ripristinando i criteri di esenzione individuati dalla circolare del Ministero delle finanze n.  9 del 14 giugno 1993, pubblicata nel supplemento ordinario n.  53 alla Gazzetta Ufficiale n.  141 del 18 giugno 1993 nonché applicando la stessa esenzione a favore dei terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n.  99, iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione; di quelli ubicati nei comuni delle isole minori di cui all'allegato A annesso alla legge 28 dicembre 2001, n. 448; e di quelli a immutabile  destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile (comma 13);
 
  • la riduzione al 75% a favore degli immobili locati a canone concordato (comma 53);
 

 .....

PER LE AREE EDIFICABILI IL VALORE È COSTITUITO DAL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO COME DA ULTIMO DETERMINATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA MUNICIPALE N. 30 DEL 13.05.2016, LA QUALE INDIVIDUA I VALORI MEDI FINALI AL MQ DISTINTI PER ZONE OMOGENEE E DI SEGUITO RAPPRESENTATE IN SINTESI CON RINVIO PER I DOVUTI APPROFONDIMENTI ALLA RELAZIONE TECNICA E AI CONSEGUENTI ELENCHI E FOGLI DI MAPPA PREDISPOSTI DALL’UFFICIO AL FINE DI AGEVOLARE IL CONTRIBUENTE NELLE OPERAZIONI DI INDIVIDUAZIONE, CONTROLLO E CALCOLO DEL DOVUTO:
 
ZONA DESTINAZIONE D’USO VALORE MEDIO FINALE AL MQ
B1 RESIDENZIALE CAPOLUOGO € 18,36
C PEEP CAPOLUOGO € 7,51
D1 INDUSTRIALE/ARTIGIANALE € 7,51

PER QUANTO INFINE CONCERNE LA COMPONENTE TARI DELLA IUC PER L'ANNO 2016, SI INFORMA CHE IL CONSIGLIO COMUNALE HA RIDETERMINATO LE TARIFFE CON DELIBERA  N. 6 IN DATA 30.04.2016 SULLA BASE DEL NUOVO PIANO FINANZIARIO APPROVATO CON ATTO N. 5 IN DATA 30.04.2016.
 
IL PAGAMENTO DELLA TARI E' RICHIESTO DAL COMUNE ALL'UTENTE DEL SERVIZIO CON INFORMATIVA UNITAMENTE AI MODELLI F24 I QUALI VERRANNO RECAPITATI AL DOMICILIO CONOSCIUTO IN TEMPO UTILE PER ESEGUIRE I PAGAMENTI ALLE SCADENZE SOPRA INDICATE (1^ 16.10.2016, 2^ 16.12.2016, 3^ 16.02.2017, 4^ 16.04.2017, oppure unica soluzione 16.01.2017).
 
IN CASO DI MANCATA RICEZIONE DELLA INFORMATIVA E DEI MODELLI DI PAGAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI ENTRO IL 31.12.2016, SARA’ ONERE DELL’UTENTE DEL SERVIZIO SEGNALARE IL DISGUIDO AL COMUNE IL QUALE PROVVEDERA A RICONSEGNARE COPIA DELL’INFORMATIVA E DEI MODELLI DI PAGAMENTO.
 
I CONTRIBUENTI RESIDENTI ALL’ESTERO, IMPOSSIBILITATI AD EFFETTUARE IL PAGAMENTO MEDIANTE MODELLO F24, POSSONO CORRISPONDERE IL TRIBUTO MEDIANTE BONIFICO IN FAVORE DEL COMUNE DI ARSITA - SERVIZIO TESORERIA BANCA TERCAS S.P.A. IBAN:  IT58C0606076740CC0040010611 SWIFT CODE:   TERCIT3TXXX INDICANDO COME CAUSALE DEL VERSAMENTO I SEGUENTI ELEMENTI: GENERALITÀ, CODICE FISCALE O LA PARTITA IVA DEL CONTRIBUENTE INTESTATARIO DELL’UTENZA, LA SIGLA "TARI ARSITA 2016”, L'INDICAZIONE DI "PRIMA RATA", "SECONDA RATA", "TERZA RATA", “QUARTA RATA” O "SALDO".
 
ULTERIORI INFORMAZIONI ED APPROFONDIMENTI SARANNO PUBBLICATI SUL SITO ISTITUZIONALE DELL’ENTE  http://www.comune.arsita.te.it E POTRANNO ESSERE RICHIESTI DIRETTAMENTE ALL’UFFICIO TRIBUTI PRESSO LA SEDE COMUNALE IN VIALE SAN FRANCESCO 35 OVVERO TELEFONICAMENTE ALLO 0861-995579 INT. 7, E ATTRAVERSO I CONSUETI CANALI MAIL (areafinanziaria@comune.arsita.te.it) O PEC (protocollo.arsita@anutel.it).

Allegati

Nome Dimensione
Allegato INFORMATIVA IMPOSTA UNICA COMUNALE _IUC_ ANNO 2016.pdf 93.64 KB


Facebook Google+ Twitter