Comune di Orio Canavese

Al Signor Sindaco del

L'Amministrazione Comunale intende dar corso a breve ad una Revisione Generale del Piano Regolatore Vigente, adottato nel febbraio 1995 e  approvato in via definitiva dalla Regione Piemonte con Delibera di Giunta del 05/12/2000. In questo lungo periodo l’attività edilizia ha trasformato in modo evidente l'assetto del territorio urbano ed extraurbano, andando quasi a saturare le possibilità edificatorie previste. Inoltre, nel corso degli ultimi anni, sono state emanate molte nuove disposizioni legislative, che richiedono un perfezionamento  della normativa comunale in base alle indicazioni in esse contenute. Proprio in riferimento a questo sono disponibili contributi e finanziamenti regionali a fondo perduto per i piccoli centri urbani  (inferiori ai 5.000 abitanti) che intendono avviare l'adeguamento dei propri Piani Regolatori agli strumenti di pianificazione e controllo di ordine sovracomunale.

Poiché anche la Legge Urbanistica regionale suggerisce una revisione periodica del Piano ogni dieci anni, ci siamo resi conto che è giunto il momento di dotare il Comune di Orio, e quindi i suoi cittadini, di un nuovo strumento urbanistico.

Come amministratori ci sentiamo di assumere la responsabilità di indirizzare lo sviluppo del nostro territorio verso una realtà urbana sempre maggiormente vivibile, coerentemente inserita nel contesto ambientale che ci appartiene, adeguata alle esigenze e ai desideri di coloro che la vivono o la vivranno.

In sede di discussioni preliminari si è convenuti sulla innegabile importanza che l'iniziativa privata può offrire per l'attuazione degli obbiettivi del Nuovo Piano.

I cittadini riceveranno quindi, in due distinti momenti, due questionari di indagine.

Il primo potrà essere consegnato all'Ufficio Protocollo del Comune entro il 30 settembre 2009.  Tale documento porterà all'acquisizione di importanti dati statistici, necessari alla comprensione della nostra realtà locale, e costituirà un’importante traccia per il percorso di formazione delle future scelte urbanistiche.

Il secondo, un modello di  richiesta di carattere specificatamente tecnico, nel quale i cittadini, le associazioni culturali, le forze sociali ed imprenditoriali potranno avanzare precise intenzioni di operatività  urbanistico/edilizia.

Esso è strutturato in due sezioni principali: una relativa alla destinazione d'uso residenziale ed una che riguarda le costruzioni di tipo produttivo (industriale, artigianale, commerciale, agricolo, ecc.) e per ognuna di esse sono elencate i possibili interventi edilizi che si ritiene di proporre. Inoltre in calce al questionario vi è lo spazio per aggiungere richieste che non rientrano nella casistica proposta.

Il questionario, compilato e sottoscritto, dovrà essere consegnato al protocollo comunale, e quindi registrato, entro il 27/02/2010. Saranno comunque valutate anche le richieste scritte su carta semplice.

L‘Amministrazione prenderà in esame tutte le domande pervenute e se le stesse risulteranno motivate e compatibili rispetto ai criteri generali di impostazione della Revisione Generale di PRGC e alle prescrizioni di carattere vincolistico (geomorfologico, paesaggistico ambientale, ecc.), ne proporrà  l’inserimento nel Nuovo Strumento Urbanistico.